Diritti

Don Milani scrive a Napolitano

Gli allievi della scuola di Barbiana lanciano un appello -da sottoscrivere- al Presidente della Repubblica

phpuaq3aG7019

 

Lettera aperta al Presidente della Repubblica

on. Giorgio Napolitano

 

 

11 Aprile 2011

 

Signor Presidente,

lei non può certo conoscere i nostri nomi: siamo dei cittadini fra tanti di quell’unità nazionale che lei rappresenta.

Ma, signor Presidente, siamo anche dei "ragazzi di Barbiana". Benchè nonni ci portiamo dietro il privilegio e la responsabilità di essere cresciuti in quella singolare scuola, creata da don Lorenzo Milani, che si poneva lo scopo di fare di noi dei "cittadini sovrani". Alcuni di noi hanno anche avuto l’ulteriore privilegio di partecipare alla scrittura di quella Lettera a una professoressa che da 44 anni mette in discussione la scuola italiana e scuote tante coscienze non soltanto fra gli addetti ai lavori.

Il degrado morale e politico che sta investendo l’Italia ci riporta indietro nel tempo, al giorno in cui un amico, salito a Barbiana, ci portò il comunicato dei cappellani militari che denigrava gli obiettori di coscienza. Trovandolo falso e offensivo, don Milani, priore e maestro, decise di rispondere per insegnarci come si reagisce di fronte al sopruso. Più tardi, nella Lettera ai giudici, giunse a dire che il diritto – dovere alla partecipazione deve sapersi spingere fino alla disobbedienza: “In quanto alla loro vita di giovani sovrani domani, non posso dire ai miei ragazzi che l’unico modo d’amare la legge è d’obbedirla. Posso solo dir loro che essi dovranno tenere in tale onore le leggi degli uomini da osservarle quando sono giuste (cioè quando sono la forza del debole). Quando invece vedranno che non sono giuste (cioè quando avallano il sopruso del forte) essi dovranno battersi perché siano cambiate”.

Questo invito riecheggia nelle nostre orecchie, perché stiamo assistendo ad un uso costante della legge per difendere l’interesse di pochi, addirittura di uno solo, contro l’interesse di tutti. Ci riferiamo all’attuale Presidente del Consiglio che in nome dei propri guai giudiziari punta a demolire la magistratura e non si fa scrupolo a buttare alle ortiche migliaia di processi pur di evitare i suoi.

In una democrazia sana, l’interesse di una sola persona, per quanto investita di responsabilità pubblica, non potrebbe mai prevalere sull’interesse collettivo e tutte le sue velleità si infrangerebbero contro il muro di rettitudine contrapposto dalle istituzioni dello stato che non cederebbero a compromesso. Ma l’Italia non è più un paese integro: il Presidente del Consiglio controlla la stragrande maggioranza dei mezzi radiofonici e televisivi, sia pubblici che privati, e li usa come portavoce personale contro la magistratura. Ma soprattutto con varie riforme ha trasformato il Parlamento in un fortino occupato da cortigiani pronti a fare di tutto per salvaguardare la sua impunità.

Quando l’istituzione principe della rappresentanza popolare si trasforma in ufficio a difesa del Presidente del Consiglio siamo già molto avanti nel processo di decomposizione della democrazia e tutti abbiamo l’obbligo di fare qualcosa per arrestarne l’avanzata.

Come cittadini che possono esercitare solo il potere del voto, sentiamo di non poter fare molto di più che gridare il nostro sdegno ogni volta che assistiamo a uno strappo. Per questo ci rivolgiamo a lei, che è il custode supremo della Costituzione e della dignità del nostro paese, per chiederle di dire in un suo messaggio, come la Costituzione le consente, chiare parole di condanna per lo stato di fatto che si è venuto a creare. Ma soprattutto le chiediamo di fare trionfare la sostanza sopra la forma, facendo obiezione di coscienza ogni volta che è chiamato a promulgare leggi che insultano nei fatti lo spirito della Costituzione. Lungo la storia altri re e altri presidenti si sono trovati di fronte alla difficile scelta: privilegiare gli obblighi di procedura formale oppure difendere valori sostanziali. E quando hanno scelto la prima via si sono resi complici di dittature, guerre, ingiustizie, repressioni, discriminazioni.

Il rischio che oggi corriamo è lo strangolamento della democrazia, con gli strumenti stessi della democrazia. Un lento declino verso l’autoritarismo che al colmo dell’insulto si definisce democratico: questa è l’eredità che rischiamo di lasciare ai nostri figli. Solo lo spirito milaniano potrà salvarci, chiedendo ad ognuno di assumersi le proprie responsabilità anche a costo di infrangere una regola quando il suo rispetto formale porta a offendere nella sostanza i diritti di tutti. Signor Presidente, lasci che lo spirito di don Milani interpelli anche lei.

 

Nel ringraziarla per averci ascoltati, le porgiamo i più cordiali saluti

 

Francesco Gesualdi, Adele Corradi, Nevio Santini, Fabio Fabbiani, Guido Carotti, Mileno Fabbiani,

Nello Baglioni, Franco Buti, Silvano Salimbeni, Enrico Zagli, Edoardo Martinelli, Aldo Bozzolini

 

Per sottoscrivere questo appello scrivete a letteranapolitano@altreconomia.it

Per inviare la lettera direttamente al Presidente, cliccate qui

Le prime adesioni:

Gloria Guasti
Maria Teresa Messidoro, Presidente Associazione Lisangà, Giaveno, Torino
Luisa Simonutti, Milano
Carlo Maria Cananzi, Napoli
Umberto Amato
Giorgio Chelidonio
Pietro Scola
Simonetta Pitari, Roma
Valentino Rosà
Ivonne Brescian
Elisabetta Sala
Christian Elevati, Milano
Anna Borio
Marina Vagnoni
Carla Peracchi
Carlo Contestabile Ciaccio
Dianella Lupo
Maria Pia Perrino
Cesare Ascoli (Pisa)
Francesco Alfaruoli
Grabriella Vaccaro
Giovanni Venturini
A. Monaco
Laura Bersani
Nicola Merone
Pietro Rocco (Caserta)
Federico Taddia
Giuseppe Lanzi
Adriano D’Amico
Emiliano Fatello
Gianfranco Zavalloni (Brasile)
Michele Dotti
Monica Berna Nasca
Licia Masi
Alessandro Iannilli
Marzio Vidali (Cervignano del Friuli)
Mauro Marinari (Rivalta di Torino)
Cristina Stevanoni, già docente nell’Università di Verona
Giovanni Battista Novello Paglianti, già ricercatore nell’Università di Padova
Donatella Mondin
Claudio Magri (Trezzano s. Naviglio)
Fabrizio Tognoni
Ass. Chiodo Fisso (Perignano, Pisa)
Coord. Provinciale Libera (Pisa)
Michele Campana (pontedera, Pisa)
Pietro Porcedda (Narbolia, Oristano)
Luca Pampaloni (Calenzano)
Andrea Giampiccolo (Borgo Valsugana, Tn)
Agimi Otranto
Davide Nicastri
Alessandro Sbarbada
Tommaso David Incamicia (Barile, PT)
Gustavo Loveri
Valeria Fioriti
Giovanna Campolucci
Benedetta Rautj (PT)
Roberto Vecci
Silvia Zucchetti
Rocco Artifoni (BG)
Luna Tanasi
Marco Lonzi (SI)
Piermaria Mazzola (Verona)
Irene Bonaccorsi (PI)
Claudio Pozzi
Massimo Torelli (FI)
Francesco Lubrano Lavadera (Procida, NA)
Giancarlo Barbero, Arona
Fabio Ceseri
Paolo Ranzuglia
Agostino Regnicoli (Montecassiano)
Annamaria Corazza
Elena Gajani Monguzzi (Macerata)
Marinella Zepigi Pessina
Toni Peratoner
Mariella Stefanoni (Montespertoli, FI)
Andrea Cantaluppi
Enrico Usvelli (Brisighella, RA)
Maria Grazia Franco
Carmelo Cataldi (Si)
Alberto Spatola
Alberta Bidini (FI)
Cristina Burla
don Nandino Capovilla (Pax Christi)
Filippo Trippanera
Simonetta Settepannella
Claudio Bragato
Alessandra Scano
Alberto Fattori (VR)
Pierluigi Coiati
Pasquale Iannamorelli
Redazione del bimestrale di riflessione e informazione nonviolenta QUALEVITA
Rita Svandrlik (FI)
Dino Del Savio (Aviano, PD)
Roberto Cappelli (SI)
Fabio Ragaini (Poggio San Marcello)
Carlo Bartolini
Peter Langer
Renato Papa (NA)
Teresa Pirritano (CZ)
Roma Maria Martucci (KR)
Patrizia Gentilini
Giuseppe Mariani
Piero Berra
Maria Teresa Calari
Liliana Lupaioli
Gigi Eusebi

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia