Altreconomia :: Esteri
In questa categoria
Esteri In esclusiva per l'Italia, il commento del "Premio Pulitzer" 2014 per l'inchiesta sul "caso Snowden"

Brasile, così le élite finanziarie hanno rovesciato Dilma Rousseff

Il 25 agosto si terrà la sessione finale del Senato brasiliano sulla destituzione della presidente Dilma Rousseff. Nel maggio scorso, la presidente della Repubblica -al secondo mandato- è stata sospesa dall’incarico e messa in stato d’accusa. Ecco chi ha organizzato e sostenuto la sua caduta, tra politici sotto inchiesta e lobbisti

Leggi     Commenta 
Esteri La pena ridotta a 3 anni e mezzo, e al contempo sospesa

Libera la giornalista azera Khadija Ismayilova

La redattrice di Radio Free Europe era stata condannata a 7 anni e mezzo, grazie ad accuse che secondo le principali associazione di tutela dei diritti umani sarebbero state inventate ad arte. La sua colpa, infatti, sarebbero invece le inchieste sull'impero offshore del presidente Ilham Aliyev, che oggi trovano conferma nei "Panama Papers". L’Azerbaigian è il Paese al mondo che fornisce più petrolio all’Italia, e da lì parte il gasdotto TAP  

Leggi     Commenta 
Esteri Al summit ha partecipato anche il ministro della Giustizia, Andrea Orlando

Il fondamentalismo della corruzione

Il racconto del primo summit internazionale contro la corruzione, voluto e ospitato a maggio a Londra dal premier inglese David Cameron. Nonostante la credibilità del padrone di casa minata dai Panama Papers, il primo ministro inglese ha promesso la creazione di un registro pubblico dei beneficiari ultimi delle proprietà oggi intestate ad imprese, trust o singoli. Si stima che si tratti di circa 100mila beni immobili, di cui 40mila nella sola Londra

Leggi     Commenta 
Esteri I figli: "Garantire partecipazione di esperti indipendenti della Comisión Interamericana de Derechos Humanos"

Giustizia per Berta Cacéres

A due mesi dall'omicidio della leader indigena honduregna, Goldman Prize 2015, sono stati arrestati 4 dei presunti assassini. Due sarebbero legati all'azienda DESA, quella che vorrebbe realizzare la diga di Agua Zarca, il progetto contro il quale lottava le direttrice del COPINH uccisa il 3 marzo a La Esperanza. La famiglia chiede però maggior trasparenza, e che siano individuati anche i mandanti "intellettuali" del delitto

Leggi     Commenta 
Esteri Nell'aprile 2016, oltre 8.400 persone hanno attraversato il Mar Mediterraneo

Grecia, i diritti negati nei campi profughi

Da Idomeni a Katerini, fino all'area militare di Diavata, “le violazioni della normativa internazionale e comunitaria sono lampanti”. Il racconto di otto corsisti della “Scuola di alta formazione per operatori legali specializzati in protezione internazionale” (organizzata anche dall'ASGI) che a fine marzo hanno attraversato i luoghi di "accoglienza" e intervistato decine di migranti

Leggi     Commenta 
Esteri Nel 2011 l’intervento armato che portò alla caduta del regime di Mu’ammar Gheddafi

Una nuova guerra in Libia, cinque anni dopo, non serve

Il primo ministro sostenuto dalle Nazioni Unite, Fayez el-Sarraj, è sbarcato a Tripoli. E i principali governi europei già auspicano l'intervento armato. Secondo il docente Federico Cresti, però, una spedizione potrebbe rafforzare la pur debole presenza di Daesh nel Paese

Leggi     Commenta 
Esteri L'intera popolazione -24 milioni di persone- ha bisogno di aiuti umanitari

Yemen, un anno di guerra

Il 25 marzo le prime bombe saudite cadevano nel Paese più meridionale della penisola arabica. Armi fornite anche da Paesi occidentali, come l'Italia. Il 10 aprile, secondo quanto hanno annunciato le Nazioni Unite, è previsto un cessate il fuoco. Dopo una settimana, in Kuwait, dovrebbero iniziare i dialoghi di pace  

Leggi     Commenta 
Esteri La magistratura punta a qualificare il delitto come "passionale"

Omicidio Berta Cacéres: anche il testimone è a rischio

Gustavo Castro Soto (nella foto), attivista messicano, fondatore e direttore della ong Otros Mundos Chiapas, si trovava nella casa della donna quando è stata uccisa, nella notte tra il 2 e il 3 marzo scorsi. Ferito, non può lasciare l'Honduras: il 6 marzo è stato bloccato all'aeroporto di Tegucigalpa, ed è protetto all'interno dell'Ambasciata del Messico. La Commissione interamericana per i diritti umani adotta misure cautelative e invita il governo a garantire la sua sicurezza

Leggi     Commenta 
Esteri 2,6 miliardi di euro: il portafoglio ordini del gruppo Salini al giugno 2015

Petrolio, gas, strade: gli interessi italiani

Nei primi 10 mesi del 2015 l’import-export tra il nostro Paese e la Libia vale 4,3 miliardi di euro: è uno scambio prevalentemente monopolizzato dai combustibili fossili. Abbiamo importato soprattutto “petrolio greggio” -1,2 miliardi di euro tra gennaio e ottobre dello scorso anno- e “gas naturale” -1,6 miliardi-

Leggi     Commenta 
Esteri Il 10% della popolazione, 5 milioni di persone su 50, è rappresentato da migranti

Le contraddizioni del Sudafrica

A oltre vent’anni dalla fine del regime di segregazione razziale, nel Paese vige una nuova forma di apartheid, fondata sulla ricchezza

Leggi     Commenta 
Esteri Venerdì 12 atterra a Città del Messico Papa Francesco, che visiterà le frontiere Sud e Nord

Messico, in un libro l'odissea dei migranti

Flaviano Bianchini s'è finto un latinoamericano, e ha viaggiato senza documenti dal Guatemala agli Stati Uniti d'America. "Migrantes" è il diario di un itinerario lungo 3 settimane -a piedi, in treno, nel doppiofondo di un camion-, e racconta le minacce e i rischi che vive ogni giorno chi -costretto a lasciare il proprio Paese- è deciso a realizzare il "sogno americano"

Leggi     Commenta 
Esteri Dall’11 settembre 2001, la spesa militare mondiale è aumentata del 50%

I pilastri della pace

Un istituto di ricerca australiano ha misurato la “Pace Positiva” attraverso otto indicatori inediti. Il concetto individua attitudini, istituzioni e strutture che, quando vengono rafforzate, portano a una maggiore pace sociale. Il ruolo centrale di un modello economico alternativo

Leggi     Commenta 
Esteri La regione di Madre de Dios, in Perù, rischia di diventare una zona desertica da qui a cinque anni

Parigi, la voce delle popolazioni indigene

A COP21 si discute degli effetti del cambiamento climatico su terre e tradizioni delle popolazioni indigene. Il racconto di tre giovani giornalisti del progetto collaborativo "Agenzia di Stampa Giovanile", 30 ragazzi di 12 Paesi, tra i quali 8 italiani.
Il Green Climate Fund (GCF), strumento fondato dalla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCC) per assistere i Paesi in via di sviluppo nel contrasto al cambiamento climatico n passaon prevede per loro ancora alcun ruolo attivo

Leggi     Commenta 
Esteri Nell'aprile 2015 la strage di Garissa, dove 140 universitari furono uccisi dal gruppo terroristico Al-Shabaab

Il Kenya che accoglie il Papa

Dalla tutela dell'ambiente alla lotta alla corruzione. Le sfide aperte nel Paese governato da Uhuru Kenyatta, prima tappa del viaggio del Pontefice, raccontate da Samuele Tini, responsabile dei progetti dell'Ong italiana Manitese in Kenya. Con Manitese, Altreconomia ha pubblicato "Kenya. Una guida di turismo responsabile"

 

Leggi     Commenta 
Esteri L’indipendenza dalla Serbia è stata dichiarata l'11 febbraio 2008

Ritorno in Kosovo

Viaggio attraverso l’ex provincia serba, sedici anni dopo i bombardamenti Nato, tra tensioni mai sopite e nuove opportunità. In una regione grande all’incirca quanto l’Abruzzo ci sono 6mila soldati di undici nazioni diverse; circa 300 enclavi serbe, una capitale a prevalenza albanese e una città, Mitrovica, divisa in due da un ponte

Leggi     Commenta 
Esteri A luglio la Russia ha impedito di riconoscere il genocidio di Srebrenica, 20 anni fa

Il palazzo del veto

Le decisioni più importanti dell’ONU sono ostaggio di cinque Paesi, che dal 1945 possono bocciare le delibere del Consiglio di sicurezza e bloccare ogni riforma. Alcuni gruppi di interesse si “combattono” per riformare il Consiglio di sicurezza. Le due principali correnti sono il gruppo “Uniting for Consensus” (UfC) e il G4

Leggi     Commenta 
Movimenti Il fondatore della campagna, Omar Barghouti: “Da due anni forte crescita”

Palestina-Israele: boicottaggio, forza nonviolenta

Da dieci anni un movimento internazionale chiede di rifiutare prodotti israeliani, per protestare contro occupazioni e discriminazioni. Si chiama "Biocottaggio Disinvestimento Sanzioni" (BDS), e tra il 16 e il 18 ottobre ha organizzato una tre giorni di mobilitazione anche nel nostro Paese. In una lettera al milionario israelo-americano Haim Saban Hillary Clinton ha scritto: “So che sei d’accordo sul fatto che l’opposizione al BDS deve essere una priorità”

Leggi     Commenta 
Esteri Il saggio nel 2016 in Italia, edito da Nottetempo

Il diritto di dominare

Il “paradosso dei diritti umani” nei territori palestinesi occupati, tra il rischio di strumentalizzazione e l’ossimoro “umanitario-militare”. Intervista a Nicola Perugini, co-autore del libro "The Human Right to Dominate" e ricercatore della Brown University di Providence. BDS? "È un movimento che sta crescendo  perché ha obiettivi politici molto chiari: delegittimare il regime di dominazione e discriminazione israeliano ponendo fine alle complicità internazionali di governi, potentati economici e istituzioni culturali con il regime stesso"

Leggi     Commenta 
Esteri Il caso sollevato da un utente austriaco del social network

Dati personali su Facebook, gli USA non sono un posto sicuro

La Corte di giustizia dell'Unione europea smentisce la Commissione: gli Stati Uniti non garantiscono un adeguato livello di protezione dei dati personali trasferiti -ad esempio- sui server di Facebook, come invece attestato più di 15 anni fa da una "decisione" priva della necessaria "competenza" che ha limitato i poteri delle autorità nazionali di controllo. Una lesione dei "diritti fondamentali delle persone"

Leggi     Commenta 
Esteri Tra i salvati anche due bambine che necessitavano di attenzione medica

Un visto, una vita

Il Belgio ha garantito a due famiglie siriane l'ingresso nel Paese per "ragioni umanitarie", una possibilità prevista dal codice comunitario dei visti del 2009. Hanno così potuto viaggiare in aereo, e l'associazione “Syrie-Un visa, une vie” ha speso circa 7mila per portare in Europa dodici persone (meno di 600 euro a testa)

Leggi     Commenta 
Extra
ALTRECONOMIA SI RINNOVA!

PER LE SCUOLE SUPERIORI!

GUIDA AL REFERENDUM COSTITUZIONALE