Diritti

Val di Susa, ora qualcuno risponderà alle domande vere?

Come si temeva – ma come ci si aspettava – siamo arrivati alla militarizzazione permanente del territorio in Val di Susa, pur di avviare i lavori preliminari del progetto di ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. La polizia e i carabinieri dovranno…

Come si temeva – ma come ci si aspettava – siamo arrivati alla militarizzazione permanente del territorio in Val di Susa, pur di avviare i lavori preliminari del progetto di ferrovia ad alta velocità Torino-Lione. La polizia e i carabinieri dovranno presidiarie il cantiere giorno e notte, affiancando la ditta appaltatrice, e confrontarsi con la prevedibile protesta popolare.

Partirà anche la "battaglia" da giocare sui media. Da tempo molti grandi media parlano di "facinorosi", "antagonisti", "sindrome Nimby" nel tentativo di esorcizzare una realtà composta da un’opposizione popolare vasta, molto ben informata, in grado di contestare punto per punto la Grande Opera che si vorrebbe costruire, mettendone in discussioni i suoi stessi presupposti.

Pochi dei fautori della Tav hanno purtroppo  accettato di confrontarsi con i Comitati No Tav veri, preferendo quelli immaginari (antagonisti, egoisti e via calunniando). Così ben poco sappiamo delle reali motivazioni della Lione-Torino, che pare sempre più un progetto virtuale, nato sull’onda di considerazioni – l’esplosione dei commerci est-ovest, l’integrazione economica europea verso l’area ex sovietica, una fase di grande espansione produttiva – che anno dopo anno perde la sua già debole consistenza.

Ora che il territorio è militarizzato qualcuno si prenderà la briga di dare spiegazioni? Qualcuno risponderà al sospetto che in realtà si voglia accaparrarsi lo stanziamento già deciso – 630 milioni di euro – per i lavori preliminari e poi stare a vedere, magari lasciando tutto lì? E’ arrivato o no il m omento di prendere sul serio, anche nelle alte sfere del potere, le ragionevoli obiezioni del movimento No Tav? O si vuole lasciare inoperosi i cervelli all’ombra di scudi e manganelli?

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia